depressione-slider-post

Depressione

Oltre 300 milioni di persone al mondo soffrono di depressione, il 4,4% della popolazione mondiale. Secondo l’OMS, l’Organizzazione mondiale della sanità, dal 2005 al 2015 il numero è aumentato del 18,4%. Una previsione della World Health Organization per l’anno 2020 conferma che, tra tutti i disturbi, la depressione imporrà il secondo carico più grande sulla salute nel mondo (Murray & Lopez, 1998). Persone di qualsiasi età e ceto sociale possono soffrire nel corso della loro vita di depressione, e tra gli indicatori il rischio è aumentato da condizioni quali la povertà, la disoccupazione, eventi di vita traumatici, malattie fisiche, lutti, alcool e droga.

Secondo gli indicatori diagnostici per depressione si deve intendere:

  1. Umore depresso per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno;
  2. Marcata diminuzione di interesse o piacere (anedonia) per tutte, o quasi tutte le attività, per la maggior parte del giorno;
  3. Perdita di peso significativa in assenza di diete o aumento di peso o riduzione/aumento dell’appetito quasi ogni giorno;
  4. Insonnia o ipersonnia quasi ogni giorno;
  5. Agitazione o rallentamento psicomotorio quasi ogni giorno;
  6. Fatigue o mancanza di energia quasi ogni giorno
  7. Perdita di energia
  8. Sentimenti di autosvalutazione o di colpa eccessivi o inappropriati quasi ogni giorno
  9. Ridotta capacità di pensare o concentrarsi, o indecisione quasi ogni giorno
  10. Pensiero ricorrente di morte, ricorrente ideazione suicidaria senza un piano specifico, oppure tentato suicido o piano specifico per suicidarsi.

 

I criteri non sono niente se non si analizzano le loro sfumature, che non possono che essere rappresentate dalla complessità delle persone che inevitabilmente da colore alle cose.

Relatori

Interverranno durante l’evento

Federica Sorino

Psicologa

claudio-politi-autore-relatore

Claudio Politi

Autore

la-depressione-corti-da-legare

Corto Teatrale: “Seduta doppia”

In scena due persone: la lei di ieri e la lei di oggi, divise da dieci anni di terapia. La prima vive nell’abisso, dove anche l’ultima goccia di vitalità è stata prosciugata da un malessere che prende anima e corpo. Non sembra esserci scampo. La guarigione è una prospettiva impossibile, la salvezza una parola priva di senso. La catabasi è lenta. Le uniche luci sono i lampeggiamenti di un’idea estrema. Poi la terapia, la graduale presa di coscienza, la riappropriazione dell’appetito vitale. Una voce fuori campo le pone diverse domande. La prima risposta è negativa, elusiva; la seconda è consapevole e moderatamente ottimistica. La prima risposta sembra uscire da un luogo notturno, la seconda gode del beneficio della luce, di una visione della vita prospettica. Le domande si susseguono ed emerge sempre più chiramente la differenza fra ieri e oggi, fra l’esperienza della malattia e l’esperienza

Info

Tessera dell’associazione richiesta per accedere

Date:

11 Novembre 2017

Location

Nuovo Teatro Orione, Roma.


Resta aggiornato e accedi a tutte le iniziative

Richiedi la tessera dell’associazione

Le nostre iniziative hanno bisogno di te.

Richiedi la tessera dell’associazione Corti da Legare e partecipa a tutti gli eventi e gli approfondimenti in programma.