Dipendenza Sessuale

Corti da legare si è spesso interessata alle dipendenze comportamentali: rappresentano difatti i disturbi mentali che negli ultimi tempi si diffondono più rapidamente. Quale oggetto della relazione patologica non v’è una sostanza illecita, come nelle tradizionali tossicodipendenze, ma comportamenti e attività culturalmente accettate. Pensiamo al gioco, ad internet, ma anche alla relazione affettiva, al lavoro, al cibo, allo shopping e al sesso: tutte attività che rappresentano parte integrante del normale svolgimento della quotidianità. Per alcuni queste attività si trasformano in una sostanza d’abuso, una droga, che diventa a tutti gli effetti il fulcro centrale dell’organizzazione di vita: ci si sente ostinati a ripetere quel comportamento anche contrariamente alla propria volontà, si manifesta il bisogno di aumentarne progressivamente la frequenza e la durata e, se lo si interrompe, si soffre duramente l’astinenza.

Se di dipendenza se ne parla poco, di dipendenza sessuale non se ne parla affatto. Ad oggi ancora non è stata annoverata tra i disturbi mentali in nessun manuale diagnostico, il che rende sul piano concreto la diagnosi e la presa in carico ancora più difficile.

Argomento borderline, spesso confuso con altri disturbi sessuali, la Sex Addiction è una forma di dipendenza contraddistinta dall’incapacità di chi ne è affetto di controllare, misurare e interrompere il comportamento sessuale compulsivo. Malgrado sperimenti gravi conseguenze negative, l’individuo dipendente convive con il persistente e costante desiderio di perseguire una finalità sessuale. Non ha controllo sull’agire, che non riesce a misurare o interrompere.

Non è una tipologia di comportamento a descrivere il disturbo: cosi come nel gioco, nella relazione affettiva, nell’uso di internet – e nelle restanti dipendenze comportamentali – anche per l’attività sessuale, ciò che marca il confine tra il normo e il patologico è sempre l’alterazione del funzionamento emotivo della persona.

Nello specifico, tutte le tipologie di condotta sessuale, normali e parafiliache, quali la pornografia, la prostituzione, la masturbazione, l’esibizionismo, voyerismo, il sesso online, le pratiche feticiste, quelle sadiche, e così via, possono diventare oggetto di dipendenza: la definizione è indicata dalla relazione che la persona ha e intrattiene con quella particolare azione o atto sessuale.

Si tratta di una relazione malata con il sesso: la persona usa il comportamento sessuale come una droga in cui si rifugia per alleviare lo stress, allontanare pensieri e sentimenti dolorosi o fuggire da relazioni intime e affettive che non è in grado di gestire.

In poco tempo il sesso assolve la funzione di un anestetico, ma gradualmente si manifestano i tipici sintomi della sindrome da dipendenza: crescente e irresistibile interesse verso l’oggetto (il cosiddetto craving); necessità di aumentare l’attività per ottenere l’effetto desiderato (tolleranza); e malessere imponente quando si diminuisce o si interrompe l’attività (astinenza). Nel sessodipendente le attività sessuali sono sempre più centrali fino alla comparsa di pensieri e ideazioni ossessive. Si sperimenta l’impulsività, la perdita di controllo, il fallimento e la dolorosa constatazione dell’incapacità di regolare i propri desideri sessuali e il proprio agito. La persona si sente obbligata, anche contro il suo volere, a ripetere quel comportamento, che, se in un primo momento assolve la funzione di analgesico, diventa poi la causa stessa di gravi sentimenti di colpa e inadeguatezza.

In altri termini, se prima si cerca nel sesso una cura, è poi dal sesso che bisogna curarsi.

Relatori

Interverranno durante l’evento

Federica Sorino

Psicologa

claudio-politi-autore-relatore

Claudio Politi

Autore

corti-da-legare-dipendenza-sessuale

Corto Teatrale: “Confessioni di un satiro”

Un uomo in fase di “guarigione”: una testimonianza di vita da dipendente sessuale e il rapporto conflittuale fra l’io originario, “normale”, e il satiro interiore. Un monologo non privo di parentesi di amara irionia, narrazione che si snoda fra episodi concreti e considerazioni umilmente filosofiche sulla condizione esistenziale di quella dipendenza che, nella sua essenzialità sessuale, impegna la coscienza del narratore in una rimembranza intrisa d’ineluttabile vergogna e tragica consapevolezza.

Info

Tessera dell’associazione richiesta per accedere

Date:

23 novembre 2018

Location

Nuovo Teatro Orione, Roma.

Resta aggiornato e accedi a tutte le iniziative

Richiedi la tessera dell’associazione

Le nostre iniziative hanno bisogno di te.

Richiedi la tessera dell’associazione Corti da Legare e partecipa a tutti gli eventi e gli approfondimenti in programma.